>

Amaretti Sardi - ChocoLove - Blog di pasticceria e cucina amatoriale di Francesco Di Lena

Blog, di pasticceria e cucina amatoriale, di Francesco Di Lena - Benvenuti, sono le di
Vai ai contenuti
PASTICCERIA > BISCOTTI
Amaretti sardi.
Gli amaretti sono molto usati in Sardegna. Ogni famiglia ha la sua ricetta. Quando c’è un matrimonio e i preparativi fervono, tutte le donne del parentado sono impegnate nella preparazione dei dolci che verranno distribuiti durante il banchetto agli invitati. Di solito si servono nei cestini di asfodelo, preparati a mano dagli artigiani del posto.
Ingredienti:
- g 500 di mandorle dolci
- g 50 di mandorle amare
- g 500 di zucchero semolato
- la buccia grattugiata di 1 limone
- mezza stecca di vaniglia
- 4/ 5 albumi di uova fresche
- un pizzico di sale
Preparazione:
1 Macinate le mandorle, dolci e amare con un macinino a mano. Se non ne’ possedete uno usate il mulinex, avendo l’accortezza di mettere assieme un po’ dello zucchero assieme, per non fare uscire li oli. Il composto deve risultare un po’ granuloso.
2 In una ciotola capiente  mettete le mandorle e tutti gli altri ingredienti, aggiungete i bianchi d’uovo leggermente sbattuti, non montati, prima quattro, lavorate bene, se occorre aggiungete anche il quinto.
3 Lasciate riposare per trenta minuti. Passato questo tempo formate  con le mani delle palline, come una grossa polpetta. Passatele nello zucchero rimasto e sistematele in teglie rivestite di carta forno.
4 Guarnite ogni amaretto con un filetto di mandorla , o intera se preferite. Infornate a forno già caldo, a 160° per una ventina di minuti circa, devono risultare ben dorati.

Questo blog non rappresenta un prodotto editoriale, ai sensi della legge 62 del 7/3/2001. Alcune immagini sono tratte da internet, ma se il loro uso violasse i diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. Autorizzo la pubblicazione delle mie foto e ricette a condizione che venga sempre inserito un link a questo sito.                      Copyright © Francesco Di Lena

Torna ai contenuti